Questi biscotti sono semplici, con pochi ingredienti buoni e scelti con cura per ottenere un biscotto goloso e gluten free.
These biscuits are simple, with few good ingredients and carefully chosen to obtain a greedy and gluten free biscuit.
SCROLL DOWN FOR ENGLISH VERSION

Sto provando dei nuovi dolci senza glutine, l’idea è che rimangano comunque semplici nella ricetta e senza l’aggiunta di farine raffinate, amido e fecola. Molto spesso i prodotti senza glutine che si possono trovare in commercio hanno una lunga lista di ingredienti e tra questi oltre allo zucchero sono presenti anche farine raffinate e amidi che contengono zuccheri semplici e contribuiscono quanto i dolcificanti ad aumentare la nostra glicemia dopo averli assunti. Molti scelgono un prodotto senza glutine perchè costretti dalle circostanze (celiachia, gluten sensivity…) e per ovviare a questo problema poi si ritrovano ad avere altre conseguenze.

Trovo che le alternative esistano, a volte possono sembrare più complesse o leggermente più costose ma se non dedichiamo tempo e energia alla nostra felicità e salute a cosa dovremmo dedicarci? Comunque, sicuramente in questo caso non sono troppo complesse!

Per questa ricetta mi sono rifatta a quella dei “Biscotti alle nocciole” di Donna Hay nel libro “Life in Balance“: mi è sembrata una buona ricetta che ho riadattato per le mie esigenze. Ho scelto delle farine integrali senza glutine (farina di riso integrale e grano saraceno), delle nocciole, come dolcificante lo sciroppo di acero. Per la farcitura al cacao ho usato cioccolato fondente al 70% con burro di arachidi, rendendo quindi la crema più golosa ma anche più ricca in proteine.

Questi biscotti sono naturalmente:

  • senza zucchero raffinato
  • senza glutine
  • senza latticini e senza uova
  • senza soia
  • vegan

Ti ricordo che per restare aggiornata/o e non perdere le ultime news, ti puoi iscrivere alla NEWSLETTER. Puoi sintonizzarti anche sui social: seguendo la mia pagina di Cucina Naturale su Instagram e  Facebook non perderai gli eventi e le news. Ti aspetto!

Proverai la mia ricetta? Condivi allora la scoperta fatta con i tuoi amici sui social: spread love, spread good food – @jyoti_zenkitchen

Ingredienti (per 18-20 biscotti circa)

100 g di farina di grano saraceno
60 g di farina di riso integrale
100 g di sciroppo di acero
75 g di farina di nocciole
60 g di olio di vinacciolo
20 g di acqua
½ cucchiaino di sale fino
1/2 cucchiaino di lievito per dolci (facoltativo)

Crema al cioccolato

80 g di cioccolato fondente
40 g di burro di arachidi senza zucchero

Procedimento

Setaccia le farine, il lievito e il sale in una terrina. Emulsiona insieme acqua, sciroppo di acero e olio e usa l’emulsione per impastare insieme tutto. L’impasto sarà un pochino sbricioloso, ma continua a lavorarlo per renderlo omogeneo e il più compatto possibile: sarà la natura leggermente collante dello sciroppo di acero che ti aiuterà un pochino. Poni l’impasto a raffreddare in firgorifero per almeno 40 minuti. Dopo il tempo di riposo forma con l’impasto dei piccoli biscotti tondi dello stesso diametro e inforna a 180°C per 20 minuti circa (o fino a quando non saranno ben cotti con i bordi leggermente dorati.

Fai raffreddare i biscotti e a parte fai sciogliere il cioccolato fondente e aggiungi il burro di arachidi. Lascialo raffreddare un pochino prima di disporlo sulla metà dei biscotti per poi adagiarci sopra il resto dei biscotti.

CHEF TIPS

Prova a variare la quantità di farine: puoi usare esclusivamente grano saraceno se ti piace il suo sapore, altrimenti, come in questo caso mescola con farina di riso o farina di miglio.
Questi biscotti possono essere conservati tranquillamente a temperatura ambiente, in un barattolo di vetro, fino ad una settimana!


Se ancora non lo conosci, ti ricordo il mio libro di cucina naturale “ZenKitchen 108 ricette plant-based per una cucina naturale, sana e felice”.
Sul libro trovi tante ricette a base vegetale per tutti i giorni, ma non solo: una solida base sui fondamenti della cucina naturale sana e tanti consigli e suggerimenti extra.

Lo trovi su Ibs libri , su Feltrinelli e tanti altri siti di libri. Visita la pagina dedicata per saperne di più.


I’m trying new gluten-free desserts, the idea is that they remain simple in the recipe and without the addition of refined flours, potato flour and corn starch. Very often gluten-free products found on the market have a long list of ingredients and among these in addition to sugar there are also refined flours and starches that contain simple sugars which contribute as much as sweeteners to increase our blood sugar. Many choose a gluten-free product because they are forced by circumstances (celiac disease, gluten sensivity …) and to remedy this problem then they find themselves having other consequences.

I believe that alternatives exist, sometimes they may seem more complex or slightly more expensive but if we don’t really dedicate time and energy to our own happiness and health what should we dedicate ourselves to? However, these is not the case as these cookies are certainly not too complex!

For this recipe I went back to Donna Hay‘s “Hazelnut Biscuits” in her book “Life in Balance“: it seemed like a good recipe which I adapted for my needs. I chose gluten-free wholemeal flours (brown rice flour and buckwheat), hazelnuts, maple syrup as a sweetener. For the cocoa filling I used 70% dark chocolate with peanut butter, thus making the cream more delicious but also richer in proteins.

This cookies are:

  • refined sugar free
  • gluten free
  • dairy free and egg free
  • soy free
  • vegan

May I remind you that to stay tuned and not miss out the latest news you can subscribe to the NEWSLETTER. You can also tune in on social networks: following my Natural Cuisine page on Instagram and Facebook you will not miss the events and news. I’ll be waiting for you!

Will you try my recipe? Then share your discovery with your friends on social networks: spread love, spread good food @jyoti_zenkitchen

Ingredients (for about 18-20 cookies)

100 g of buckwheat flour
60 g of brown rice flour
100 g of maple syrup
75 g of hazelnut flour
60 g of grapeseed oil
20 g of water
½ teaspoon of fine salt
1/2 teaspoon of baking powder

Chocolate cream

80 g of dark chocolate
40 g unsweetened peanut butter

Procedure

Sift the flours, baking powder and salt into a mixing bowl. Make an emulsion by mixing together water, oil and maple syrop and use it to knead everything together. The dough will be a little crumbly, but continue to knead it to make it homogeneous and as compact as possible: the slightly sticky nature of the maple syrup will help you a little. Put the dough in the fridge for at least 40 minutes. After the resting time, roll out the dought, form small round biscuits of the same diameter and bake at 180 ° C for about 20 minutes (or until they are well cooked and the edges slightly golden.

Whilst are cooling, separately melt the dark chocolate and add the peanut butter. Let it cool down a bit before spreading putting the remaining cookies on top like a sandwich.

CHEF TIPS

Try varying the amount of flour: you can only use buckwheat if you like it otherwise, as in this case mix with rice flour or millet flour.
These cookies can be safely stored at room temperature, in a glass jar, for up to a week!


If you still don’t know it, let me remind you of my cookbook “ZenKitchen 108 plant-based recipes for natural, healthy and happy cooking”. In the book you will find many plant-based recipes for every day, but not only: a solid foundation on the fundamentals of healthy natural cooking and lots of extra tips and suggestions.

You can find it on Ibs books, on Feltrinelli and many other book sites. Visit the dedicated page to find out more.


…galani, lattughe, sfrappole, cenci… credo ci sia un nome (o più) per ogni regione d’Italia per questi dolci fritti di Carnevale.. che sono i miei preferiti!

Io li chiamo chiacchere, era uno dei pochi dolci che facevo da studente, e quando li volevo preparare mio padre mi sosteneva sempre nella mia decisione.. Anche se non lo ha mai manifestato apertamente immagino fosse perchè piavano anche a lui.

Come per tanti dolci, proprio perchè li adoro, ho deciso di prepararli in una versione che sia un pò più equilibrata per la nostra salute.
Per quanto riguarda la frittura, ti consiglio di rivedere il mio post a riguardo per avere qualche consiglio su come preparla al meglio.
Invece per preparare delle chiacchere che siano meno dolci del solito e più sane ti consiglio di seguire qualche accorgimento:
– ridurre le quantità di zucchero e sceglierlo integrale oppure addirittura sostituire con il malto;
– usare esclusivamente farina integrale;
– non usare latte e latticini nè uova nell’impasto.

Se vuoi saperne di più sugli ingredienti integrali, dolcificanti naturali, cucinare senza derivati animali o come preparare dolci con meno zucchero ma con tanto gusto, ti ricordo il corso di cucina naturale a Mantova (clicca qui) oppure a Villafranca (clicca qui).

Prima di andare alla ricetta ricordo che per restare aggiornata/o e non perdere le news, ti puoi iscrivere alla NEWSLETTER.
Puoi sintonizzarti anche sui social seguendo la mia pagina di Cucina Naturale su Facebook.

Ingredienti

130 g di farina di tipo 2
30 g di yogurt di soia al naturale
20 g di zucchero
45 ml di vino liquoroso (tipo Marsala)
20 g di acqua naturale
1 cucchiaio di succo di limone
1 cucchiaio di olio olio evo
1 cucchiaino di lievito per dolci
la scorza di un limone
un pizzico di sale

Procedimento
Unire alla farina lo zucchero, il lievito e la scorza di limone grattugiata e il sale e mescolare bene. Mescolare insieme lo yogurt, il vino, l’acqua, il succo di limone e l’olio e usare l’emulsione ottenuta per impastare gli ingredienti secchi. Impastare bene fino ad ottenere un impasto liscio e lasciarlo riposare per almeno 30 minuti in frigorifero.
Dopo il riposo, stendere l’impasto sottile e tagliare a piacere le chiacchiere con un tagliapasta ondulato: possono essere di varie forme e dimensioni, io preferisco rettangoli con dei fori centrali oppure lunghe strisce di pasta irregolare.
Preparare un tegame con l’olio ben caldo e friggere, oppure per una versione più leggera cuocerle in forno.

Ginger bread, l’omino di zenzero, ha sempre suscitato la mia simpatia!
Si tratta di un biscotto caratterizzato dalla presenza di zenzero (of course!), cannella, chiodi di garofano, pimento … insomma una miscela di spezie che oltre ad donare un sapore preziosissimo a questo semplice biscotto scaldano il corpo (alcune stimolano la circolazione del sangue)… e anche il cuore (l’aroma della cannella è da sempre considerato quello  che ci scalda e ci fa sentire accolti!).
La ricetta è stata ispirata dal carissimo Francesco che un giorno al termine di un mio corso mi ha portato in regalo la sua deliziosa Linzer torte da farmi assaggiare: i suoi modi così gentili e timidi sono sempre disarmanti e aprono i cuori! Era deliziosa e mi ha ricordato un pò i Ginger bread, così ho deciso di ispirarmi alla sua ricetta quest’anno, per preparare i miei biscotti di Natale!
Sono preparati con farina semintegrale e dolcificati con malto in modo da renderli “naturalmente dolci” senza infierire troppo sul nostro corpo in questo periodo di eccessi!
Non per ultimo, come in questa foto, si può pensare oltre che decorarli, di fare un foro  prima della cottura nel biscotto: può essere usato per farci passare del filo colorato o della rafia e usarli come decorazioni natalizie!
..E non ti preoccupare se ti verrà voglia di annegare il tuo ginger bread in una tazza di te o tisana…E’ un istinto normale poichè sono veramente ottimi anche “pucciati” in una bevanda calda!
Buon divertimento e buon Natale!

ginger_bread
Ingredienti
150 g farina di frumento semintegrale
25 g nocciole tostate
25 g mandorle
½ cucchiaino di lievito per dolci
1 cucchiaio di zucchero mascobado
70 g di malto di mais
40 g di olio di riso o di mais
20 ml di acqua fredda
pizzico sale
3 chiodi di garofano
1 granello di pimento
1/3 di stecca di cannella
zenzero disidratato
ginger_bread1
Procedimento
Macinare finemente in un robot mandorle e nocciole insieme allo zucchero mascobado e alle spezie in modo da renderle una farina.
Unire tutti gli ingredienti secchi e mescolarli insieme in una terrina.
Aggiungere il malto e l’olio e mescolare con le dita per ottenere un composto sabbioso. Aggiungere l’acqua e unire in modo da formare una palla e lasciar riposare in frigo per 30 minuti o più.
Passato il tempo di riposo stendere con il mattarelo la pasta in uno spessore di circa 6 mm quindi ritagliare le formine (se si vuole ottenenere delle decorazioni natalizie allora fare un foro con uno stecchino in cima al biscotto) e infornare a 170°C per circa 15-17 minuti.
Decorare a piacere con una ganache di cioccolato fondente appena si saranno freddati.
Buone Feste!!! =)

gingerbread2

Questi biscotti integrali sono perfetti a colazione, una pausa o da accompagnamento ad una tisana o te nel pomeriggio (zenzero e limone per esempio?): sono ricchi di fibre perchè oltre alla farina integrale fra gli ingredienti ci sono i fiocchi d’avena e le nocciole che conferiscono il caratteristico aroma.

L’avena è una pianta erbacea da cui si ricava un cereale in chicco ricco di proprietà: è una fonte di carboidrati a lenta digestione quindi non provoca forti picchi glicemici e insulinici e fornisce energia a lungo termine al corpo. E’ forse il cereale con la maggiore quantità di proteine e una grande quantità di acidi grassi essenziali come l’acido linoleico. E’ un cereale in generale ben tollerato da chi è celiaco. L’avena contiene dei particolari composti fenolici azotati che sono degli antinfiammatori in grado di proteggere dalle ossidazioni cellulari e che vengono ocnsiderate antitumorali. L’avena è un cereale che “scalda” il corpo quindi perfetto nella stagione fredda e ricostituente (quindi utile per bambini e chi è in convalescenza).

Per quanto riguarda le belle nocciole hanno una buona digeribilità, contengono vitamina E, un antiossidante naturale in grado di rallentare l’invecchiamento cellulare e di contrastare l’azione dei radicali liberi. Sono molto energetiche e ad effetto rimineralizzante infatti contengono manganese, potassio, calcio, rame, ferro, magnesio, zinco e selenio. Rame e manganese sono fondamentali per la formazione di enzimi antiossidanti, mentre il ferro è utile per prevenire l’anemia. Magnesio e calcio sono essenziali nel metabolismo delle ossa. Le nocciole, insieme alle mandorle, sono tra i frutti più ricchi di vitamina E che protegge la pelle dai raggi UV.

…E infine, se hai a che fare con un albero di nocciole, puoi conservare anche qualche foglia perchè vengono utilizzate in fitoterapia per le loro proprietà depurative nei confronti dell’organismo e per il loro effetto antinfiammatorio, cicatrizzante ed astringente! :)

biscotti_avena_nocciole

Ingredienti (per 300  – 350 g di biscotti)
125 g di farina integrale
50 g di nnocciole tostate e tritate grossolanamente
4 cucchiai di fiocchi di avena
35 g di zucchero integrale
2 cucchiai di malto
30 ml di olio di mais (o riso o vinacciolo)
30 ml di acqua fredda
1 cucchiaino di succo di limone
un pizzico di sale
1 cucchiaio di malto + 1 cucchiaio di olio per i fiocchi di avena

biscotti_nocciole_avena

Procedimento
In una padella antiaderente far tostare leggermente i fiocchi di avena per un paio di minuti, quindi aggiungere 1 cucchiaio di malto e uno di olio: far amalgamare e continuare a far asciugare e tostare leggermente.
In una terrina mescolare insieme la farina, lo zucchero integrale, i fiocchi d’avena, le nocciole, il sale.
In un piccolo contenitore mescolare l’olio, l’acqua, il limone e il malto e aggiungerlo agli ingredienti secchi e mescolare tutto insieme rapidamente. Ottenuto un impasto liscio ed omogeneo farlo riposare in frigorifero per 30 minuti.
Stendere il composto con il mattarello e in uno spessore di 1/2 cm e ritagliare a piacimento i biscotti e cuocerli in forno statico a 180° C per 18 minuti circa oppure in forno ventilato a 170°C per 15 minuti circa.
Enjoy!!!

Biscotti profumatissimi alla lavanda e caratterizzati all’olio di oliva che si amalgama bene se ha un gusto delicato e non è troppo robusto: nel caso non sia sicura/o che ti piaccia il sapore puoi sostituire l’olio evo con un olio di riso o di mais tipico di quelli che usi normalmente per i dolci.
La lavanda ha azione sedativa e calmante sul sistema nervoso, è consigliata infatti in caso di in caso di ansia, agitazione, nervosismo, mal di testa e stress e insonnia. Svolge anche un’azione balsamica sulle vie respiratorie per questo è impiegata efficacemente nel trattamento di tutte le malattie da raffreddamento: influenza, tosse, raffreddore e catarro. Inoltre limitando la formazione e soprattutto il ristagno di gas a livello gastro-intestinale, possiede proprietà carminative e antispasmodiche in quanto calma dolori e gli spasmi addominali e aiuta a distendere la muscolatura del ventre.
Insomma con queste caratteristiche si ottiene un biscotto di renderà ancora più rilassante il tea-time!!! :)
biscotti_lavanda
Ingredienti
200 g di farina integrale
70 g di zucchero integrale
60 ml di olio evo (dal gusto delicato)
60 ml di acqua fredda
1 cucchiaio di succo di limone
2 cucchiai di mandorle tostate macinate grossolanamente (granella)
1 cucchiaino di fiori di lavanda
1 cucchiaino di lievito per dolci
pizzico di sale
Procedimento
Frullare lo zucchero integrale con la lavanda.
In una terrina mescolare molto bene tutti gli ingredienti secchi.
Unire tutti gli ingredienti liquidi.
Impastare rapidamente in modo da ottenere un impasto omogeneo e liscio.
Mettere in frigorifero a riposare per almeno 30 minuti.
Trascorso il tempo necessario stendere l’impasto e ritagliare le formine a piacere. Infornare a 170° per 15-20 minuti e lasciar raffreddare su una griglia.
Questii biscotti acquistano maggior sapore con il passare dei giorni.

Questo è sicuramente il periodo dei biscotti: è proprio bello prepararli, regalarli, imbarattorarli, mangiarli… Sono magici nella loro semplicità!
Questi biscotti sono a base di farina di khorasan al cioccolato e con un pizzico di pimento: il khorasan (meglio conosciuto come kamut anche se questo termine non èè altro che una “marca” di grano) è un grano antico, rispetto al grano più ricco in proteine e selenio (con funzioni antiossidanti) e con una forma di glutine che è meglio tollerata dagli intolleranti. A mio avviso si presta meglio per le panificazioni e pastificazioni ma usare queste farine così “rustiche” anche per i biscotti non guasta mai!!! =)
Il pimento invece è anche chiamato pepe garofanato proprio perchè ricorda una via di mezzo tra un pepe e il chiodo di garofano. E’ ricco di eugenolo, un olio essenziale dalle proprietà digestive, carminative, analgesiche e antisettiche, per questo è un ottimo rimedio per coliche addominali e gonfiori ma anche per lenire dolori localizzati come il mal di denti (proprio come per i chiodi di garofano!). Il pimento è vasodilatatore e produce un effetto riscaldante, per questo gli impacchi di pimento sono adatti a curare dolori muscolari e artriti. Per riscaldarsi è ottimo un infuso di bacche, utile anche in caso di infezioni delle vie respiratorie. L’uso del pimento come rimedio naturale affonda le sue radici nella medicina popolare sudamericana che lo considerava un toccasana per lo stomaco.
L’abbinamento con il cioccolato era inevitabile! :)
biscotti_khorasan
Ingredienti
200 g di farina di khorasan (o kamut)
70 g di zucchero integrale macinato a velo
3 cucchiai di cacao
40 ml di olio di mais
20 g di burro di cacao
1 cucchiaino di succo di limone
1 cucchiaino scarso (o secondo i gusti) di pimento macinato
1 cucchiaino di lievito per dolci
50 g di cioccolat fondente tritato grossolanamente
Procedimento
In una terrina mescolare tutti gli ingredienti secchi. Far sciogliere il burro di cacao a bagno maria e unire tutti gli ingredienti liquidi al burro di cacao e infine aggiungere agli ingredienti secchi. Impastare rapidamente in modo da ottenere un impasto omogeneo e compatto. Mettere in frigorifero a riposare per almeno 30 minuti. Trascorso il tempo necessario stendere l’impasto e preparare i biscotti e infornare a 170° per 15-20 minuti.

Mandorla, cannella e cioccolato si raccontano da sè…aggiungo solo che fanno “crunch”!!! :)
biscotti_cannella_mandorle_ciocco
Ingredienti
170 g di farina
90 g di mandorle tostate e tritate grossolanamente
60 g di zucchero integrale (tipo mascobado)
50 g di cioccolato fondente tritato grossolanamente
50 ml di olio di riso (o mais)
10 g di semi di lino
1 cucchiaino di cannella
1 cucchiaino di lievito per dolci
un pizzico di sale
Procedimento
Spezzare i semi di lino (con pestello o per pochi secondi in tritatutto) e metterli in una ciotolina con pochi cucchiai di acqua in modo da creare una mucillagine gelatinosa. Mescolare la farina con le mandorle, lo zucchero, il cioccolato fondente, la cannella, lievito e il sale: aggiungere i semi di lino con il gel prodotto e l’olio: cominciare ad amalgamare gli ingredienti e lavorare tutto in modo da ottenere un impasto omogeneo e non duro ( se necessario aggiungere dell’altro liquido). Lasciar riposare per 30 minuti circa, stendere con il mattarello e ricavare delle forme per i biscotti ho preferito tenere le forme tonde a richiamo dei cookies). Distribuire su una placca da forno precedentemente oliata e infornare a 180°C per 20-25 minuti circa. Far raffreddare e …enjoy!!! :)

Biscotti?
Uhmmm… ma son belli anche i cestini!!!
Beh sai cosa c’è?!? Si fanno entrambi!!! :)
Questo impasto è perfetto per fare dei biscotti da sgranocchiare oppure dei dei cestini che contengono della frutta, una crema o un cucchiaino di composta…spazio alla fantasia!!!!
Il burro di cacao da oltre al caratteristico aroma anche una particolare consistenza, friabile, rende i biscotti ottimi da sgranocchiare.
Sono perfetti senza glutine ma se non c’è in casa della farina di riso si può sostituire con una farina integrale.
La presenza dello zucchero contribuisce a rendere l’impasto friabile: può essere sostituito da un malto o sciroppo di agave che renderà l’impasto più compatto.
Il cocco (ma soprattutto l’olio di cocco) e burro di cacao contengono entrambi una discreta quantità di acidi grassi saturi ma che in realtà non sono affatto complici dell’aumento del colesterolo nel sangue per via delle loro caratteristiche (composizione delle catene, lunghezza e metabolismo da parte del fegato di questi grassi).
Oltre ogni apparenza, sia cocco che burro di cacao sono degli ingredienti da usare soprattutto nei periodi caldi: non a caso sono tipici delle regioni tropicali!!!
cestini_cocco_frutta
Ingredienti 
100 g di cocco in scaglie
60 g di zucchero integrale (o 70 g per gusti un pò di “dolcezza” in più)
50 g di amido di mais
50 g di farina di riso
40 g di burro di cacao
pizzico di sale
biscotti_cocco
Procedimento
In una terrina mescolare insieme il cocco, lo zucchero integrale, l’amido e la farina. Far sciogliere a bagnomaria il burro di cacao e usarlo per amalgamare gli ingredienti e aggiungere acqua quanto basta per far legare insieme in un impasto omogeneo (circa 40 ml di acqua).
Una volta amalgamato il composto per fare i biscotti staccare delle palline di composto, appiattirle con il palmo della mano e disporle su una placca da forno; se si vogliono preparare dei piccoli cestini staccare un pezzetto di impasto e usarlo per foderare delle formine in silicone oppure, in modo più grossolano, staccare delle palline di impasto e dare la forma creando un incavo al centro lavorandolo con le dita.
Mettere in forno a 170°C per circa 15 minuti.
Per i cestini, preparare una dadolata di frutta di stagione (melone, pera, albicocca, pesche…) e riempirli con la frutta prima di servirli.
Sono ottimi a tutte le ore!!! :)

Preparati in una mattina di domenica in cui mi godevo la bellezza dell’accogliere e lasciare le proprie porte e finestre aperte ospitando Nicolas, the guy with yellow bike!
biscotti_cacao_sale
Ingredienti:
160 g di farina integrale
40 g di zucchero integrale
50 g di granella di mandorle
50 ml di latte di mandorla
50 g di cioccolata fondente
30 ml di olio di riso
1 cucchiaio di farina di carrube
1 cucchiaio di amido
la punta di un cucchiaino di sale himalayano
1 cucchiaino raso di lievito per dolci
Procedimento
In una terrina mescolare insieme la farina, la granella di mandorle , lo zucchero, la farina di carrube, il sale, l’amido e il lievito. Far sciogliere nel latte di mandorla la cioccolata fondente a fuoco molto basso: aggiungerla agli altri ingredienti, aggiungere l’olio e cominciare ad impastare: aggiungere altro liquido (a piacere acqua o latte di mandorla) per aiutarsi ad maneggiare l’impasto e lavorarlo in modo da ottenere una pasta omogenea, liscia, che non sia appiccicosa nè troppo dura.
Lasciar riposare per circa 30 minuti l’impasto in frigorifero. Dopo il tempo di riposo stendere l’impasto e ritagliare delle formine per biscotti a piacere.  infornare a 170°C per 25 minuti circa.

Solo 4 ingredienti (poi se il pizzico di sale e bicarbonato si possono considerare ingredienti allora diventano 6!!!) per dei biscotti leggerissimi e buonissimi dolcificati solo con i datteri…mi suggerisce il motto: la vita è semplicissima e dolcissima già da sè, perchè complicarla?!?
DSC08258
Ingredienti:
350 g di farina
200 g di datteri naturali
6 cucchiai di olio di semi di girasole
40 g di cioccolata amara in scaglie
la punta di un cucchiaino di bicarbonato
un pizzico di sale
Procedimento:
Snocciolare i datteri, tagliarli a pezzettini piccoli e farli macerare per un ora (o anche più) con un bicchiere di acqua (i datteri devo essere completamte ricoperti perchè si reidratino ma l’acqua non deve eccedere!). In un contenitore mettere la farina, aggiungere il pizzico di sale, bicarbonato e mescolarli insieme. Aggiungere ai datteri i 6 cucchiai di olio e frullare il tutto (datteri, acqua e olio). Il composto ottenuto si usa aggiunge agli altri ingredienti e si comincia ad impastare per amalgamare il tutto; aggiungere la cioccolata amara e impastare. Se è necessario altro liquido usare dell’acqua. Fare una palla e metterla a riposare in frigorifero almeno 30 minuti. Passato il tempo di riposo in frigo stendere la pasta e con degli stampini (o a mano) ritagliare delle forme e metterli su una teglia da forno precedentemente oliata. Infornare a 180°C per 15-20 minuti.