Verza alle mandorle e pomodorini secchi
,

Verza alle mandorle e pomodorini secchi

Per la serie “sicilianitudine” nel piatto…avevo una verza che mi guardava dal frigorifero chiedendomi “Come mi prepari oggi?!?!?” …Così la verza con i sapori del sud è arrivata nel piatto insieme a pomodorini secchi, mandorle, capperi, olive… e tutte le sue proprietà benefiche….
Infatti la verza è ricca di minerali (zolfo, arsenico, potassio, iodio, rame…per questo è ricostituente e digestiva), vitamine (A, C, e K), isotiocianati che stimolano alcuni bioenzimi con proprietà antitumorali. In più la verza in decotto è ottima per maschere per la pelle del viso e il succo di verza ottimo per i bronchi e le infiammazioni in genere.
verze_alla_siciliana
Ingredienti
1/2 verza
1 cipolla
1 spicchio di aglio
3 pomodorini freschi
5-6 pomodori secchi
1 manciata di olive in salamoia
1 manciata di mandorle spellate e tostate
1 manciata di capperi sotto sale
origano
olio qb
Procedimento
Mettere i pomodorini secchi a reidratarsi in mezzo bicchiere di acqua. Lavare la nostra verza e tagliarla a striscioline di larghezza di 2 cm circa. Tagliare la cipolla a fettine sottili e tritare l’aglio. Preparare una padella a fondo pesante con qualche cucchiaio di olio di oliva, scaldarlo e aggiungere la cipolla e l’aglio per farli saltare. Dopo che si saranno dorati un pochino aggiungere la verza e l’acqua dei pomodorini che si saranno reidratati. Far cuocere con un coperchio. Tagliare i pomodorini secchi a pezzetti piccoli e aggiungerli alla verza insieme alle olive e ai capperi già lavati dal sale in eccesso. Tagliare anche i pomodorini freschi a metà o in 4 parti e aggiungerli. Continuare a far cuocere altri 5-10 minuti sempre con il coperchio. Togliere il coperchio e se necessario far cuocere ancora qualche minuto fino a far asciugare tutto il liquido in eccesso: a fine cottura spolverare di origano e aggiungere le mandorle tostate. Ottimo come contorno o insieme al riso, miglio, cous cous.

3 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *