Articoli

, , , , , ,

Pudding raw alla carruba con semi di chia

In questa stagione e con il caldo ormai arrivato il desiderio principale è quello di avere qualcosa di fresco a disposizione da poter avere a merenda..questo pudding è perfetto! Ecco perchè:
– Pronto con manodopera minima e senza cotture: basta frullare e amalgamare gli ingredienti ..et voilà!

– E’ fresco, non solo perchè lo lasciamo riposare in frigorifero, ma perchè composto da frutta e ingrendienti freschi, che non trattiamo con calore e che quindi mantengono inalterati il loro contenuto di vitamine e di enzimi.

– E’ ricco di fibre (la frutta) e di acidi grassi essenziali, gli omega 3 in particolare!!!

I semi di chia sono fondamentali in questa ricetta e non accessori perchè hanno un grande potere gelificante di conseguenza sono in grado, a freddo e in un paio di ore, a gelificare la miscela liquida in cui li introduciamo, rilasciando un piccolo gel tutto intorno al seme (fra l’altro benefico per l’intestino come quello dei semi di lino)! I semi di chia sono ricchissimi di omega 3, al pari dei semi di lino, quindi un ottimo e “buon” metodo questo per ricaricarci di questi acidi grassi essenziali e ottenere tutti i conseguenti effetti benefici. Sono naturalmente anche ricchi di calcio, ferro e potassio…  Insomma…piccoli, per niente invasi e pieni di proprietà… Provare!!!

pudding_semi_chia

Ingredienti (per 2 persone)
1 banana matura
2 cucchiai di farina di semi di carruba
2 cucchiai di succo di limone
100-150 ml di latte di mandorla autoprodotto oppure acqua o succo
1 cucchiaio abbondante di semi di chia
zenzero o buccia di limone per aromatizzare
Procedimento
Sbucciare e frullare la banana con la farina di carruba, il succo di limone, gli aromi e il latte in modo da ottenere un frullato liscio non troppo denso: assaggiare se vi aggrada il grado di dolcezza ottenuto! Aggiungere i semi di chia e mescolare in modo da amalgamare tutto: versare in delle coppetta e far riposare in frigorifero per un paio di ore. Il risultato finale avrà la consistenza di un pudding che può essere decorato a piacere con frutta di stagione.

N.B. Se non si ottiene l’effetto “gelificante” e la compattezza desiderata può essere semplicemente che non fossero sufficenti i semi di chia aggiunti: ritentare con fiducia!!! :)

, , , , , ,

Fichi ricoperti al cioccolato con cuore di pasta di mandorle

Le mie origini del sud avvolte vengono fuori dirompenti con delle ricette come queste: gli ingredienti da soli sono già meravigliosi…dopo averli combinati insieme si può solo rimanere con gli occhi sgranati, la bocca aperta e dire…WOW!!!
Si tratta di piccole bombe energetiche!!! :)
fichi_cioccolato
Ingredienti:
12 fichi
40 g di mandorle
15 ml di sciroppo di agave
1/2 di fava di tonka
vino passito qb
cioccolato fondente qb
Procedimento
Tagliare i fichi a metà e metterli ad ammorbidirsi in un contenitore con un bicchierino di vino passito: si può usare anche un altro vino dolce liquoroso o brandy. I tempi di ammollo dipendono da quanto morbidi erano i fichi in partenza. Tritare finemente le mandorle e ridurle a farina, aggiungere una grattugiata di fava di tonka e lo sciroppo di agave e con un cucchiaino amalgamare e farne una pasta. Riempire i fichi con un cucchiaino della pasta di mandorle ottenuta e richiuderli bene.
Sciogliere il cioccolato fondente a bagnomaria e se necessario aiutarsi aggiungendo un cucchiaio di latte vegetale: bagnare i fichi nel cioccolato fondente in modo tale da ricoprirli. Lasciare asciugare per un paio di ore prima di servirli.

, , ,

Tortine cioccolato e banana con composta di fichi

Un’altra torta del buonumore…si perchè sicuramente svegliarsi la mattina e trovarsela a colazione fa iniziare meglio la giornata, ma soprattutto per gli ingredienti. Il cioccolato e in minor quantità anche le banane e i fichi sono ricchi di triptofano, l’aminoacido precursone dell’ormone buontempone del nostro corpo, la serotonina! Il triptofano è molto più presente negli alimenti integrali: non solo frutta e verdura (soprattutto a foglia verde) ma anche usare una farina integrale rispetto a quella bianca arricchisce la torta di alcuni nutrienti rendendola ottimo per l’umore … ma naturalmente solo se non si esagera! ;) L’ideale è accompagnarla da … una tisana?!? Non esattamente… meglio accompagnarla con una bella corsa, passeggiata, danza, giochi o altra attività fisica.. e la buona giornata è assicurata.
N. B. Attività fisica e  luce solare sono altri due fattori che stimolano la produzione di serotonina!!! ;)
torta_cioccolato_banana_fichi
Ingredienti ( 8 tortine)
80 g farina integrale
80 g di zucchero grezzo
30 g di amido di mais
100 g di cioccolato fondente
50 ml di olio di mais
1 banana piccola
1/2 bicchiere di latte di riso
1 cucchiaino di lievito per dolci
Per la glassa al cioccolato
100 g di cioccolato extra fondente
4 cucchiai di melassa di cocco (o malto)
2-3 cucchiaini di acqua fredda
Farcitura
Composta di fichi
Procedimento
Per la torta, far sciogliere il cioccolato fondente a bagnomaria con qualche cucchiaino di latte vegetale. Frullare la banana con alcuni cucchiaini di acqua e renderla una crema. In un contenitore unire la farina, l’ amido, lo zucchero, la banana, la cioccolata fusa, l’olio e il latte mescolando fino a rendere il composto liscio e cremoso. Aggiungere per ultimo il lievito e amalgamare. Versare l’impasto in degli stampini di silicone (o alluminio) e infornare a 170°C per 30 minuti circa. Dopo la cottura far raffreddare e successivamente tagliare le tortine orizzontalmente e spalmarne una parte con la composta di fichi e richiudere.
Far sciogliere il cioccolato per la glassa a bagnomaria e appena sciolto aggiungere la melassa di cocco (o malto) e quando è fuso 2-3 cucchiani di acqua fredda mescolando rapidamente per inglobarla ed evitare che raggrumi.
Spalmare la glassa ottenuta con una paletta sulle tortine, far raffreddare ed enjoy!!!! :)

, , ,

Chestnut’s pancake

Mi sono svegliata con la voglia di pancakes…mangiare un pancakes a colazione mi da l’idea di essere coccolata e mi mette allegria…è una gioia quasi infantile…Quindi mi sono svegliata così…il mio pancake lo volevo vegan…e lo volevo anche senza glutine…e doveva essere davvero speciale e che mi facesse bene…così è nato questo pancake con farina di castagne, carrube, melassa di cocco…insomma un concentrato di minerali buonissimo a colazione!!!
DSC08356-001
Ingredienti
100 g di farina di castagne
3 cucchiai di farina di carrube
4 cucchiai di melassa di cocco (o altro dolcificante)
250 ml di acqua ( o se preferisci latte di riso o soia)
una manciata di datteri
olio di semi di girasole
Sciroppo per farcire
1 cucchiaio di farina di carrube
1 cucchiaio di sciroppo di cocco
150 ml di latte di riso
Procedimento
In un frullatore versare la farina di carrube, lo sciroppo di cocco e l’acqua. Frullare per 1 minuto in modo da ottenere un composto omogeneo che servirà per fare i pancakes. In una padella antiaderente versare un pò di olio (giusto per ungerla senza che ve ne sia in eccesso) e mettere a scaldare sul fuoco: versare alcuni cucchiai di composto nella padella (dipende da quanto si vogliono spessi i pancake…io li preferisco alti!) e far cuocere come normali pancake. Procedere uno dopo l’altro con il resto del composto. Preparare a parte lo sciroppo per i pancakes versando in un pentolino la farina di carrube, lo sciroppo di cocco e poco per volta il latte di riso girando con un cucchiaio per evitare i grumi. Mettere su fuoco basso e far cuocere per qualche minuto perchè si addensi leggermente: versarlo sui pancakes caldi e… buona giornata!!!

, ,

Torta alla frutta

Kiwi, banane, mele, fragole, arance, mandarini… che straripano dal portafrutta?!?!? Allora è il momento di una torta alla frutta!!! Per restare in tema la base è dolcificata con melassa di uva!!!
fruit_cake
Ingredienti per la base:
200 g di farina
50 ml di olio di semi di girasole
50 ml di melassa di uva
la buccia grattuggiata di 1/2 limone
un pizzico di bicarbonato
un pizzico di sale
Farcitura:
1 mela
1 kiwi
1 banana
4-5 fragole (oppure altra frutta di stagione in alternativa a quella elencata)
25 gr di cioccolato fondente
2 cucchiai di melassa di uva
2 cucchiai di rum
fruit_cake1Procedimento:
Preparare la base della torta impastando insieme tutti gli ingredienti: la farina con l’olio e la melassa di uva, la buccia di limone, un pizzico di sale e il bicarbonato. Impastare bene in modo da ottenere un impasto liscio, omogeneo e lasciarlo riposare per circa 30 minuti. Stenderlo preparando una base su una teglia con dei bordini alti 1/2 cm su cui poi adagiare la frutta. Sbucciare e lavare la frutta: tagliare la mela a fette ricoprire  completamente la base di frolla. Mettere in forno già caldo a 200 °C e lasciar cuocere per 20 minuti circa. Finita la cottura far raffreddare e preparare il resto della frutta. Spremere il mezzo limone ottenendo un succo che si diluisce con un pò di acqua. Tagliare le banane, i kiwi e le fragole a fettine e immergerle nel succo di limone e poi disporle sullo strato di mela cotta della torta. Per finire far sciogliere a bagnomaria la cioccolata fondente, aggiungere la melassa (o altro dolcificante), qualche cucchiaio di rum (oppure semplicemente di latte di riso o soia) e usare per decorare la frutta. Buonissima fredda!!! =)

, , , ,

Pasticcio di datteri, carruba e cioccolato fondente…

Ho avuto una visione….il Mars…lo snack al cioccolato caramelloso, cioccolatoso, ecc ecc…così ho cominciato a immaginare un metodo per farlo in casa a minor impatto possibile sulla salute…quindi niente latticini…niente zucchero…cioccolato poco o nulla…così non ho creato nulla di assimilabile allo snack ma un “pasticcio” di sapori goduriosissimo con quello che definirei “un bassissimo impatto” sulla salute…Gli ingredienti sono i datteri (fantastici, energetici, ricchi di minerali), la crema di arachidi (proteici, minerali come zinco, magnesio, potassio…), la farina di carrube (tanti minerali), le mandorle (proteiche e ricche di minerali anche loro)… c’è la cioccolata fondente come copertura…per me assaggiarli appena fatti (cioè la sera) ha voluto dire – oltre che mettermi di buonumore – tenermi sveglia più del solito per il suo effetto eccitante…quindi meglio la mattina!!!
pasticcio di datteri, carruba e cioccolata
Ingredienti:
80 g di cioccolata fondente
2 cucchiai abbondanti di crema di arachidi (100 % arachidi)
3 cucchiai di melassa di cocco (o altro dolcificante come malto, sciroppo di agave, ecc.)
70 g di pasta di dattero (ossi datteri pestati ridotti a patè)
70 g di farina di carrube
50 g di farina di mandorle
Procedimento:
Fare sciogliere la cioccolata fondente a bagnomaria e usarne la metà per ricoprire il fondo di un pirex di vetro (circa 20 x 20 cm) e far raffreddare in congelatore. In una tazza far amalgamare la crema di arachidi con lo sciroppo di cocco: nel caso non si sciogliesse bene metterlo a sciogliere a bagnomaria. Tirar fuori dal congelatore il pirex e versare il composto a base di crema di arachidi sullo strato di cioccolato fondente che nel frattempo si è solidificato. Rimettere in congelatore e preparare un composto con la farina di mandorle, la farina di carrube e la pasta di dattero: amalgamare insieme con l’aiuto di un pochino di acqua (oppure se si preferisce latte di soia o riso). Amalgamare ottenendo un composto semi-solido, malleabile: riprendere il pirex dal congelatore e versare anche il composto ottenuto e spalmarlo in modo omogeneo, così facendo avrai ottenuto 3 strati. Per chiudere versare la rimanente cioccolata fondente che deve ricoprire la superficie e i lati. Lasciare raffreddare in frigorifero e assaggiare appena possibile il pasticcio che è venuto fuori!!! =D

, , ,

…non è mirtillo..non è mora…che cos’è?!?

…MUFFIN ALLE CAROTE NERE!!! Ieri chiaccheravo delle carote nere, quasi sconosciute per tanti ma che in realtà sono le antenate delle carote arancioni così come noi tutti oggi le conosciamo (sembra che siano stati gli Olandesi a ottenere per primi la varietà di carote arancioni da quelle viola/nere)….e così mi è venuto in mente che la classica torta alle carote può essere fatto in versione violacea!!!! Ma dalla torta sono passata all’aspetto di tortine/muffin…più facili da portare in giro e condividere a lavoro!!! Spettacolo!!! =)
Buoni anche con il corpo questi muffin: la carota nera deve il suo colore agli antonciani, gli stessi che si trovano nel mirtillo e nell’uva nera, che hanno capacità antiossidanti, antinfiammatoria, supporta nei problemi di circolazione e fragilità capillare.
muffin_carote_violeIngredienti:
250 g di farina
2 carote nere-viola
70 ml di olio di girasole
100 g di mandorle
90 ml di melassa di cocco (coconut treacle)
2 cucchiai di zucchero di canna
1/2 bustina di lievito per dolci
un pizzico di sale
Farcitura
2 manciate abbondante di mandorle pelate e tritate
2 cucchiai di zucchero di canna o altro dolcificante
1 cucchiaio di farina
4 cucchiai di panna di soia
Procedimento
Frullare molto bene le mandorle con mezzo bicchiere di acqua e le carote viola già pelate a pezzetti fino ad ottenere un composto omogeneo. Versare in un contenitore il composto ed unire la farina, l’olio di girasole, la melassa di cocco e infine lo zucchero di canna. Amalgamare tutti gli ingredienti ottenendo un composto omogeneo, violaceo, della consistenza cremosa; aggiungere il lievito e il pizzico di sale e continuare a mescolare per qualche minuto ancora. Per la farcitura preparare in un contenitore piccolo le mandorle pelate, lo zucchero di canna e la farina, mescolare e aggiungere un pochino di panna di soia e frullare il tutto per ottenere un composto cremoso, omogeneo. In degli stampini per muffin versare un paio di cucchiaiate del composto base, un cucchiano di farcitura di composto di mandorle e un paio di cucchiai di composto base per ricoprire. Procedere così con tutti gli altri stampini per muffin. Mettere in forno già caldo a 200°C per 20 minuti circa. Buonissimi freddi!

Le carote nere
Carota nera, o “purple carrot”, come la chiamano i suoi clienti, al 90% stranieri (come d’altra parte è straniera la quasi totalità dell’industria agroalimentare), ricca diantociani, quelli che si trovano nei mirtilli o nel vino rossoantiossidante, contro i radicali liberi, i danni provocati dalle radiazioni ultraviolette, la fragilità capillare, per chi ha problemi di circolazione e di origine infiammatoria.

, , ,

Tortino cuore di zucca

dolcino…dolcino…dolcino….domani voglio portare un dolcino buono da condividere con gli altri a lavoro…mi sembra bello poter condividere le cose che mi piacciono…quindi mi sono messa a creare dei cupcake vegan (così ognuno avrebbe avuto il suo!!!) al cacao con un cuore di crema di zucca…un pò di arancione nei dolci non mi guasta mai…la zucca è di stagione e in più per dolcificare una crema a base di zucca ci vuole veramente poco…let’s do it!!!


YouTube

Ingredienti:
300 g di farina
125 g di zucchero di canna
75 g di cacao amaro
75 ml di olio di semi di girasole
1 cucchiaino di menta tritata
1/2 bustina di lievito per dolci
la punta di un cucchiaino di bicarbonato
un pizzico di sale
acqua qb
Per la crema di zucca:
200 g di zucca bollita
2 cucchiai di zucchero di canna
3 cucchiai di panna di soia
buccia grattugiata di mezzo limone piccolo
cuore_di_zucca
Procedimento:
In un contenitore unire la farina, il cacao, lo zucchero di canna, il pizzico di sale: aggiungere l’olio e poi allungare il tutto con un bicchiere del liquido (io ho usato acqua ma a piacere si può usare latte di soia o riso ecc.). Amalgamare e rendere il composto omogeneo, senza grumi e simile ad una crema densa. Aggiungere il bicarbonato e la menta tritata e girare e infine aggiungere il lievito e amalgamare tutto mescolando per qualche minuto.
Preparare la crema per farcire unendo alla zucca cotta lo zucchero, la buccia grattugiata del limone e la panna di soia e frullare il tutto fino a renderla una crema omogenea.
Preparare degli stampini per muffin o cupcake e versare dentro due cucchiaio del composto al cacao, 2 cucchiaini di crema di zucca e e ricoprire con 1/2 cucchiaio di composto al cacao. Fare lo stesso per tutti gli stampini fino a finire il composto al cacao e se avanza la crema di zucca consiglio di mangiarla con il dito!!!
Mettere in forno a 180-200°C per 20 minuti circa. Mangiare freddi (il giorno dopo sono ancora più buoni!!!)

 

, , ,

Castagnaccio al caffè d’orzo e noci

castagna…che meravigliosa creazione della natura la castagna!!!
Questo è un castagnaccio rinforzato dal caffè d’orzo che gli ha dato il colore ancora più scuro e un sapore buonissimo…un dolce che dà energia naturalmente e ricco di minerali…enjoy it!!! Per chi è intollerante al glutine si potrebbe sostituire il caffè d’orzo con la bevanda alla cicoria!!!
(se vuoi conoscere alcune delle tante proprietà delle castagne comincia col dare un occhiata qui )
castagnaccio al caffe d'orzo e noci

Ingredienti:
250 g di farina di castagne
1 tazza di caffè d’orzo ben dolcificato con malto, miele o altro dolcificante
1 cucchiaio di cioccolata fondente grattugiata
1 cucchiaio di rosmarino
1 manciata di gherigli di noce
2 cucchiai di panna di soia
olio di semi di girasole qb
Procedimento:
In un contenitore versare la farina di castagne e la cioccolata fondente, il rosmarino, quindi aggiungere il caffè d’orzo e mescolare e rendere il composto omogeneo eliminando i grumi che si potrebbero formare. Aggiungere la panna e le noci sminuzzate con le mani nell’impasto e girare ancora. Preparare una teglia ben oleata e versare il composto e infornare a 170 °C per circa 25-30 minuti. Freddo è  buonissimo, anche dopo qualche giorno!!!

, ,

Biscotti semplici ai datteri

Solo 4 ingredienti (poi se il pizzico di sale e bicarbonato si possono considerare ingredienti allora diventano 6!!!) per dei biscotti leggerissimi e buonissimi dolcificati solo con i datteri…mi suggerisce il motto: la vita è semplicissima e dolcissima già da sè, perchè complicarla?!?
DSC08258
Ingredienti:
350 g di farina
200 g di datteri naturali
6 cucchiai di olio di semi di girasole
40 g di cioccolata amara in scaglie
la punta di un cucchiaino di bicarbonato
un pizzico di sale
Procedimento:
Snocciolare i datteri, tagliarli a pezzettini piccoli e farli macerare per un ora (o anche più) con un bicchiere di acqua (i datteri devo essere completamte ricoperti perchè si reidratino ma l’acqua non deve eccedere!). In un contenitore mettere la farina, aggiungere il pizzico di sale, bicarbonato e mescolarli insieme. Aggiungere ai datteri i 6 cucchiai di olio e frullare il tutto (datteri, acqua e olio). Il composto ottenuto si usa aggiunge agli altri ingredienti e si comincia ad impastare per amalgamare il tutto; aggiungere la cioccolata amara e impastare. Se è necessario altro liquido usare dell’acqua. Fare una palla e metterla a riposare in frigorifero almeno 30 minuti. Passato il tempo di riposo in frigo stendere la pasta e con degli stampini (o a mano) ritagliare delle forme e metterli su una teglia da forno precedentemente oliata. Infornare a 180°C per 15-20 minuti.